Consigli per le vacanze 3: tre ricette facili facili

Consigli per le vacanze 3: tre ricette facili facili

Oleolito di iperico

La ricetta prevede due soli ingredienti: l’olio e i fiori di Iperico. Si fa così: si va a passeggio tra i prati, in montagna al mare o in campagna e si raccolgono i fiori di iperico. Si torna a casa, si lavano i fiori e si asciugano, magari lasciandoli un pochino al sole. Si prende un contenitore di vetro e si ricoprono i fiori (completamente) con olio di girasole (o d’oliva o di mandorle), si lascia il contenitore al sole coperto da una garza per 21 giorni, scuotendolo di tanto in tanto per rimescolare il contenuto (durante la notte, il barattolo va chiuso con il coperchio e riposto in casa). L’olio diventerà rosso. Dopo 21 giorni, si filtra e l’olio è pronto. Si usa come rimedio per le scottature e per gli eritemi solari, è ottimo come dopo sole.

Spray rinforzante per capelli al rosmarino
Metti sul fuoco due bicchieri e mezzo d’acqua, appena inizia a bollire aggiungi le foglie di due rametti di rosmarino e lascia sul fuoco per altri 5-10 minuti. Spegni il fuoco e lascia riposare per 20 minuti. Pronto! Se vuoi puoi aggiungere 3 gocce di olio essenziale di rosmarino per amplificare l’efficacia del preparato. Lo usi come ultimo risciacquo dopo lo shampoo oppure travasandolo in un contenitore spray puoi usarlo sui capelli asciutti per rinforzarli e renderli lucidi.

Finocchietto selvatico, raccolta, essicazione ed usi
I fiori di finocchio selvatico si raccolgono le ultime settimane di agosto e durante le prime di settembre. Bisogna munirsi di forbici e recidere l’ombrello per poi riporlo delicatamente in un cesto o una busta. Una volta raccolto, si lascia seccare all’aperto avendo cura di non esporre i fiori ai raggi diretti del sole. Il finocchio selvatico è ottimo per le preparazioni al forno alla brace e alla griglia, sulla carne o sulle patate, ma puoi usarlo anche nelle minestre.