Nelle Zolle in assaggio lo Yogurt della Fattoria Faraoni

Nelle Zolle in assaggio lo Yogurt della Fattoria Faraoni

Silvia e Andrea della Fattoria Faraoni vogliono far assaggiare il loro yogurt a tutte le famiglie che ricevono le zolle: tra questa e la prossima settimana troverai un vasetto in omaggio nella tua zolla.

Abbiamo chiesto a Silvia, che cura il lavoro del caseificio, come un bicchiere di latte diventi un bicchiere di yogurt, intero o magro, a seconda dei casi.

Il latte appena munto passa in un impianto frigorifero dove viene portato velocemente a bassa temperatura.

Nel caso dello yogurt intero il latte è subito pastorizzato (a 87° per 15 minuti); quando invece si vuole ottenere yogurt magro, il latte subisce prima un trattamento che permette di separarlo dalla panna (che poi diventerà burro).

Il passaggio successivo consiste nell’aggiunta dei fermenti. Come si legge in etichetta, infatti, lo yogurt della Fattoria Faraoni contiene solo latte e fermenti!

Affinché i fermenti svolgano la loro attività e il latte, fermentando, si rapprenda, va lasciato per 9 ore in un grande calderone, chiamato ‘camera calda‘, ad una temperatura costante di circa 40°; trascorso questo tempo il latte è diventato yogurt e riposa per 8 ore in cella frigorifera: è pronto per il confezionamento e viene versato nei vasetti.

Invece ciò che differenzia lo yogurt compatto da quello magro o intero, è che fermenta direttamente nel vasetto.

Il passaggio successivo? Avviene quando lo yogurt arriva nelle case: un cucchiaino di confettura, di miele, di cacao e zucchero o di caffè; oppure, perché no, l’aggiunta di erbe aromatiche e sale che lo rendono un’ottima salsa di accompagnamento per grigliate e insalate.