le sorelle fattori

Le sorelle Fattori

Le sorelle Fattori

“L’azienda e la terra erano di nostro nonno, contadino da generazioni. Ha cominciato a coltivare i kiwi alla fine della sua “carriera” quando fare l’orto è diventato per lui troppo pesante. Dirigeva tutto da casa. Se avesse potuto, però, avrebbe coltivato carciofi. Aveva una passione per i carciofi, diceva sempre – se vinco alla lotteria coltivo un campo da calcio tutto a carciofi! – “

L’azienda Bortoli ha radici antiche, coltivatori da generazioni arrivano a Roma dalle Marche. A raccontarci questa storia sono Anna e Ivana Fattori, due sorelle, madre e zia di Raffaele Bortoli che attualmente conduce l’azienda.“L’azienda e la terra erano di nostro nonno, contadino da generazioni. Ha cominciato a coltivare i kiwi alla fine della sua “carriera” quando fare l’orto è diventato per lui troppo pesante. Dirigeva tutto da casa. Se avesse potuto, però, avrebbe coltivato carciofi. Aveva una passione per i carciofi, diceva sempre – se vinco alla lotteria coltivo un campo da calcio tutto a carciofi! – “

Anche il bisnonno di Anna e Ivana, era un contadino: arrivato a Roma da Jesi, nelle Marche. Roma in quegli anni era il sogno di tanti, dinamica, grande, piena di opportunità: tutti volevano venire a Roma. Per il loro bisnonno l’occasione è arrivata dalla congiuntura economica italiana. Allora le Marche erano un distretto tessile importante, sopratutto per la coltivazione del baco da seta che in quegli anni era in crisi. La famiglia Fattori coltivava bachi, quindi decise di vendere tutto e partire alla scoperta di Roma. “La nostra leggenda familiare racconta che al mercato di via Urbana, e a Roma, i primi cavolfiori furono quelli portati dal nostro bisnonnno”

A comprare i terreni dove attualmente sono piantati gli alberi di kiwi fu, però, il papà di Anna e Ivana. l’azienda si trova all’interno del Parco di Decima, lontana da grandi arterie di traffico e confina con altre aziende agricole che usano il metodo biologico. Un pezzo di campagna all’interno di Roma. Anna e Ivana, vivono qui da sempre e da sempre si occupano dell’azienda agricole “da bambine ci mandavano nei campi, correvamo con le gambe scoperte e i calzini corti, aiutavamo gli adulti.” Poi, quando per il papà delle sorelle Fattori arriva il momento della pensione la coltivazione degli ortaggi lascia il posto ai Kiwi di varietà Hayward.  Gli stessi Kiwi di cui oggi si occupa Raffaele, aiutato e supportato da sua mamma e sua zia. Oggi il kiweto si estende su una superficie di 1,1 ettari. Il terreno viene sporadicamente concimato con letame, trovandosi all’interno del parco di Decima, e non essendo mai stato sfruttato intensivamente, il suolo è molto fertile. I kiwi sono coltivati con il metodo biologico e raccolti a mano in più passate, assecondando i diversi momenti di maturazione dei frutti. L’impollinazione è naturale, ed avviene per opera del vento. “I fiori di kiwi non sono molto amati dalle api è il vento che fa il grosso del lavoro e se dovesse mancare si procede a mano con la tecnica del bacetto tra fiori!” Si dice che ci sono 7 donne per ogni uomo, i Kiwi ne hanno 8! Il kiwi è una pianta dioica: ce ne è una maschio e una femmina. Il polline prodotto dal maschio raggiunge i fiori della pianta femmina grazie al vento e agli insetti impollinatori. Nell’azienda agricola “Sorelle Fattori” intorno ad ogni Kiwi maschio  sono state piantate 8 femmine.



Struttura Produttiva:

L’azienda si estende su una superficie totale di 1,7 ettari, dei quali 1,1 coltivati a Kiwi.

Filiera Produttiva:

Il ciclo produttivo è chiuso in azienda

Certificazioni:

Ceriticazione biologica

Prodotti principali:

Kiwi

Indirizzo:

via Nazareno Strampelli, 203